122024Feb
La psicologia del sugar dating

La psicologia del sugar dating

Vi siete mai chiesti delle dinamiche dietro il sugar dating? Uno studio recente pubblicato su The Journal of Sex Research getta luce su questa forma di appuntamenti, rivelando nuove intuizioni sulle motivazioni, i benefici, i presunti svantaggi e le sottili dinamiche di potere in gioco. Il sugar dating è un tipo di relazione in cui un individuo più ricco, spesso chiamato “sugar daddy” o “sugar mommy”, fornisce sostegno finanziario, regali o altri benefici materiali a un partner, comunemente chiamato “sugar baby”, in cambio di compagnia, intimità o entrambi.

Le ricerche precedenti sul sugar dating si sono concentrate principalmente sulla sua differenziazione dal lavoro sessuale tradizionale o sulle percezioni pubbliche dell’entrare in tali accordi. Tuttavia, c’è stato un gap notevole nella comprensione delle esperienze e delle prospettive degli individui coinvolti in queste relazioni, così come delle dinamiche di potere e negoziazione all’interno di esse. “C’è sembrato un aumento dell’attenzione intorno ai sugar daddies, sugar babies e agli accordi che formano nei media e nelle conversazioni,” spiega l’autrice dello studio Kate Metcalfe, una studentessa di dottorato in psicologia clinica presso l’Università del Texas ad Austin.

“L’idea ampiamente promossa che avere un sugar daddy fornisca una soluzione alle difficoltà finanziarie o una sorta di protezione dai pericoli degli appuntamenti di questi giorni era qualcosa che sentivo spesso dai miei coetanei, ma c’è così poco ricerca che ha effettivamente esaminato il sugar dating. Ha fatto sì che i ricercatori nel nostro laboratorio (Sex Meets Relationships) si chiedessero cosa comportano realmente gli accordi sugar, come funzionano e se ci sono rischi associati all’impegno in relazioni con differenze di età che coinvolgono transazioni per intimità e sesso.”


Come è stata condotta la ricerca

Per il loro studio, i ricercatori hanno reclutato un ampio spettro demografico di partecipanti negli Stati Uniti e in Canada, per un totale di 77 individui. Questo gruppo includeva 45 donne, 31 uomini e un individuo non binario, tutti con esperienze recenti o in corso di sugar dating. Il processo di reclutamento ha sfruttato varie piattaforme, come siti di sugar dating, forum e canali di social media, per raggiungere potenziali intervistati.

I ricercatori hanno utilizzato diverse misure specifiche per esaminare vari fattori legati alle relazioni sugar dating. Un questionario demografico ha raccolto informazioni dettagliate sullo sfondo dei partecipanti, compresa la loro età, genere, razza, istruzione e stato occupazionale.

Per valutare le dinamiche di potere all’interno di queste relazioni, è stato utilizzato l’Inventario del Potere Relazionale. Questo strumento misura il potere percepito detenuto da ciascun partner in una relazione, offrendo intuizioni su come vengono prese le decisioni e come viene esercitata l’influenza nei contesti del sugar dating. La Scala dell’Ideologia Ipergender – Forma Breve è stata impiegata per valutare l’approvazione da parte dei partecipanti dei ruoli di genere tradizionali, mentre una versione adattata dell’Indice dello Stigma nei Confronti dei Lavoratori del Sesso è stata utilizzata per valutare lo stigma percepito associato alla partecipazione agli accordi sugar.

I partecipanti hanno anche fornito auto-relazioni sulla loro storia di sugar dating, inclusi il numero di partner, la natura dei loro accordi e le loro esperienze di intimità emotiva e pressione all’interno di queste relazioni. Queste informazioni sono state integrate da domande aperte che hanno permesso ai partecipanti di esprimere, con le proprie parole, le loro motivazioni per entrare nel sugar dating, i benefici e gli svantaggi che percepivano e le loro esperienze riguardanti il potere, la fiducia e il compenso all’interno di questi accordi. I ricercatori hanno condotto un’analisi del contenuto delle risposte qualitative per identificare temi e pattern chiave. Questa analisi mirava a scoprire le motivazioni sottostanti per il sugar dating, i benefici e gli svantaggi percepiti di questi accordi e le dinamiche di potere e agenzia vissute dai partecipanti.


Storie di sugar dating

Lo studio ha evidenziato una significativa differenza di età tra i sugar babies e i loro benefattori, con età dei partecipanti comprese tra i 18 e i 74 anni. In media, i sugar babies erano significativamente più giovani, con un’età media di 28,76 anni, rispetto ai benefattori, che avevano un’età media di 48,15 anni.

I sugar babies, in media, hanno dichiarato di aver partecipato a circa quattro accordi di sugar dating durante la loro vita, con una gamma che andava da uno a cinquanta accordi. Ciò indica una significativa varianza nell’estensione della partecipazione al sugar dating, con alcuni individui che lo trattano come un impegno occasionale o una volta nella vita, mentre altri vi partecipano più frequentemente o come parte sostanziale della loro vita sentimentale.

Oltre un terzo dei sugar babies ha indicato una storia di partecipazione ad altre forme di lavoro sessuale transazionale, come lo spogliarello, la vendita di contenuti su servizi di webcam online o il lavoro sessuale tradizionale (ad esempio, l’accompagnamento). I benefattori, d’altra parte, hanno segnalato un numero leggermente superiore di accordi in media, con una media di oltre sei accordi, evidenziando una maggiore propensione tra i benefattori a impegnarsi in relazioni di sugar dating multiple o sequenziali.

La maggior parte dei benefattori ha segnalato una storia di pagamento per attività sessuali, sia nei locali notturni, attraverso servizi di webcam online, o con lavoratori sessuali tradizionali. Ciò evidenzia un modello più ampio di relazioni sessuali transazionali tra i benefattori, suggerendo che il sugar dating potrebbe essere una delle vie tra molte altre che essi perseguono per compagnia e interazione sessuale. Motivazioni per il Sugar Dating Una motivazione primaria per i sugar babies nell’entrare in questi accordi era la compensazione finanziaria, in linea con le aspettative sulla natura transazionale del sugar dating. Tuttavia, oltre agli incentivi monetari, i sugar babies cercavano anche connessioni emotive, compagnia e l’opportunità di vivere uno stile di vita al di là dei loro mezzi.

I benefattori di sugar, d’altra parte, erano guidati dal desiderio di compagnia e intimità con partner percepiti come più attraenti o al di fuori della loro lega nei tradizionali scenari di appuntamenti. Questo desiderio era spesso accompagnato da un senso di avventura e dall’attrattiva di mentorare partner più giovani. Sia i sugar babies che i benefattori hanno segnalato che la compagnia e l’aspetto degli appuntamenti dei loro accordi erano importanti, con molti che sottolineavano che le loro relazioni coinvolgevano attività tipiche degli appuntamenti tradizionali. Questo risultato sottolinea l’importanza delle interazioni emotive e sociali in queste relazioni. I risultati indicano che “gli accordi sugar non sono così semplici come sembrano o come vengono frequentemente raffigurati online. Ciò che è più interessante è che chiaramente coinvolgono aspetti sia del sesso transazionale che delle relazioni romantiche tradizionali”, ha detto Metcalfe a PsyPost.

“C’è l’idea sbagliata che si possano ricevere regali (o denaro) solo per mandare un messaggio a qualcuno senza alcuna forma di attività sessuale, ma questo semplicemente non è vero. La maggior parte, se non tutti, gli accordi sugar coinvolgono un certo livello di scambio sessuale, che di solito coincide con un livello di intimità o connessione emotiva, così come un ‘appuntamento’ dove i partner sugar passano del tempo insieme al di fuori della camera da letto.”


Preoccupazioni, sfide, ruoli di genere e stigma

Nonostante i benefici, i partecipanti hanno espresso preoccupazioni significative, in particolare per quanto riguarda la sicurezza e l’autenticità delle loro relazioni. I sugar babies hanno espresso preoccupazioni per la sicurezza fisica e la coercizione, adottando precauzioni specialmente nelle prime fasi di un accordo. I benefattori, d’altra parte, erano preoccupati per lo sfruttamento e l’impatto potenziale sulla loro reputazione, indicando lo stigma sociale ancora associato al sugar dating. I benefattori di sugar sentivano una connessione emotiva più forte rispetto ai sugar babies, che più frequentemente segnalavano di sentirsi sotto pressione all’interno di questi accordi. Ma la natura transazionale di questi accordi ha anche portato dubbi tra i benefattori sull’autenticità delle connessioni emotive formate, sottolineando la tensione intrinseca tra transazioni finanziarie e intimità autentica nel sugar dating. Contrariamente a quanto ci si potrebbe aspettare in accordi che potrebbero essere percepiti come rinforzanti dinamiche di genere tradizionali, dove gli uomini forniscono supporto finanziario alle donne in cambio di compagnia o intimità sessuale, i partecipanti hanno segnalato solo una moderata approvazione dei ruoli di genere tradizionali.

Inoltre, lo studio ha rivelato livelli moderatamente bassi di stigma percepito associato alla partecipazione al sugar dating, suggerendo che i partecipanti potrebbero non sentirsi così socialmente emarginati come ci si potrebbe aspettare. Le Sorprendenti Dinamiche di Potere del Sugar Dating Interessantemente, lo studio ha anche scoperto che le dinamiche di potere nel sugar dating sono più sfumate rispetto a quanto comunemente rappresentato. Mentre le transazioni finanziarie sono intrinseche a questi accordi, un numero sostanziale di partecipanti, compresi i benefattori, ha percepito i sugar babies come avere un potere significativo all’interno della relazione. Questo potere veniva spesso attribuito alla capacità dei sugar babies di negoziare termini e alla loro desiderabilità. “Inizialmente avevamo ipotizzato che il partner più anziano (il sugar daddy, la mommy o il benefattore) avrebbe segnalato di avere più potere nella relazione per natura della loro età, posizione finanziaria e del loro genere (tipicamente uomini anziani e cisgender)”, ha notato Metcalfe. “Anche se riconosciamo il contributo delle finanze nel determinare il potere, i nostri risultati rivelano che l’aspetto fisico e il compenso plasmano anche unici il potere percepito e l’agenzia nel contesto del sugar dating.” “Cioè, i sugar babies (tipicamente giovani donne cisgender) spesso traggono un forte senso di potere dal sentirsi desiderate – preziose e sexy – e ricevere compensi per questo. Allo stesso tempo, alcuni benefattori esprimono un grado sorprendente di vulnerabilità, specialmente l’incertezza su se l’attrazione del loro partner sugar fosse autentica o recitata.”

Queste dinamiche di potere potrebbero avere importanti implicazioni. In uno studio precedente, i ricercatori hanno trovato prove che suggerivano che le percezioni di potere giocassero un ruolo importante nell’uso del preservativo. In particolare, i sugar babies che sentivano di avere più potere nella loro relazione segnalavano un uso più consistente del preservativo rispetto a coloro che sentivano che il loro sugar daddy avesse più potere.


Il potenziale bias di selezione

Ma lo studio, come tutte le ricerche, include alcune limitazioni. In particolare, la ricerca si è basata su dati auto-riferiti, che sono soggetti a bias di memoria. Inoltre, il campione potrebbe non rappresentare pienamente la diversità del mondo del sugar dating e potrebbe sovrarappresentare coloro con esperienze positive di sugar dating. “Dobbiamo tenere presente che qui c’è quello che gli psicologi chiamano un ‘bias di selezione'”, ha spiegato Metcalfe. “Questo significa che i nostri risultati non rappresentano la popolazione più ampia, o in questo caso, tutte le esperienze di sugar dating. C’è un ampio spettro di esperienze, alcune buone, alcune cattive, e dobbiamo presumere che coloro disposti a parlare delle loro esperienze per la ricerca siano probabilmente più inclini ad avere avuto buone esperienze con lo sugar. Quindi, i nostri risultati sono probabilmente leggermente distorti in modo positivo; anche così, i nostri partecipanti hanno riconosciuto e compreso i rischi degli accordi di sugar dating, compresi rischi per la sicurezza fisica, truffe o danni alla reputazione.”

Guardando Avanti

Poiché il sugar dating continua a evolversi e a guadagnare visibilità, comprendere le motivazioni e le esperienze di coloro coinvolti diventa cruciale per navigare le conseguenze etiche, emotive e sociali di queste relazioni. La ricerca futura potrebbe contribuire a approfondire la comprensione del sugar dating e delle sue implicazioni per individui e società.

“Speriamo davvero che le nostre scoperte sugli accordi sugar incoraggino altri ricercatori ad esaminare più attentamente le dinamiche di queste relazioni”, ha detto Metcalfe. “Indagini nei laboratori di ricerca, specialmente se i nostri risultati vengono replicati, sono il miglior modo per sentirsi sicuri su ciò che abbiamo scoperto qui – ottenere la visione d’insieme sul sugar dating. E più specificamente, dobbiamo sicuramente sentire di più dalle persone che pagano per la compagnia dei giovani in queste relazioni – questo è sicuramente qualcosa di nuovo dal nostro lavoro. Quello che è stato sorprendente in parte è stato quanto pratiche fossero le voci dei giovani e quanto emotive e orientate alla connessione sembrassero essere le voci dei benefattori. Sarebbe bello se alcuni ricercatori approfondissero ulteriormente questo aspetto – forse lo faremo! “La parte più difficile nell’indagare su questo argomento è lo stigma ad esso associato, in gran parte dovuto alla natura transazionale di queste relazioni”, ha aggiunto Metcalfe. “I social media certamente hanno aiutato a portare queste questioni alla luce e a creare un certo livello di apertura su di esse, ma siamo preoccupati che facendo ciò molti che traggono vantaggio finanziario (cioè le aziende che promuovono queste relazioni) continuino a sfruttare i giovani, specialmente quelli in difficoltà finanziarie, suggerendo che queste relazioni siano comuni, tipiche o normative. È difficile superare questo punto.”



Studio tradotto e riadattato dal Dott. Giordano Mencarelli dal sito: www.psypost.org/2024/02/the-psychology-of-sugar-dating-new-research-dives-deep-into-the-realities-of-sugar-arrangements-221200


Bibliografia

Metcalfe, K. B., Cormier, L. A., Lacroix, P. J., & O’Sullivan, L. F. (2023). “I Was Worshiped and in Control”: Sugar Arrangements Involving Transactional Sex from the Perspective of Both Sugar Babies and Sugar Benefactors. The Journal of Sex Research, 1-13.



Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata. Compilare i seguenti campi obbligatori: *